Nov 27, 2018 Scritto da: Silvio_Iodice

Uno sguardo ai folli test ROG sui prodotti

Articoli: Tecnologie
Tags:

Una società rispecchia la qualità dei suoi prodotti, e quei prodotti ripecchiano la qualità della loro ingegneria.
Persino i nostri progetti più brillanti possono essere nulla se non riescono a superare la dura prova del Quality Test Lab. È qui che la qualità ROG va messa alla prova. Fondato lo stesso anno in cui è stata fondata ASUS, il nostro Quality Test Lab ha la funzione di garantire la qualità e l'affidabilità di qualsiasi sistema ROG.


Il nostro laboratorio ci aiuta a migliorare le pratiche di produzione e atrovare i migliori materiali da utilizzare per sviluppare prodotti affidabili e duraturi. Nei primi giorni c'erano unicamente sette persone dello staff che eseguivamo i test. Naturalmente il nostro porfolio di prodotti non era così vasto come quello attuale. Nel corso degli anni abbiamo introdotto nuove funzionalità e tecnologia nelle nostre linee di prodotti, abbiamo quindi creato anche nuove tecnologie per testarle. Al momento abbiamo più di 50 membri dello staff in laboratorio, 10 dei quali sono dedicati esclusivamente alla linea di prodotti ROG. 
Vi lasciamo un video qui sotto per vedere da vicino alcune delle tecniche che utiliziamo per testare i nostri prodotti.

Vibration test

Durante la propria vita, un notebook incontrerà numerose "scosse" e bastano piccoli danni a parti cruciali come PBC o display per trovarsi in problemi seri.
Questo test è il più importante tra i tanti che facciamo, un svista in questa fase potrebbe causare guasti in altri test successivi. Sottoponiamo i prodotti a delle forti scosse su tutti gli assi e controlliamo eventuali danni al microscopio.
Non è difficile capire il perchè, ogni volta che ci si sposta, il prodotto, che sia un notebook o una soluzione desktop, non può evitare scosse o forti vibrazioni, noi facciamo in modo che i nostri prodotti siano pronti a tutto.

Durabilità della tastiera

Probabilmente non si pensa alla tastiera del notebook come a una parte a rischio, ma tutte le tastiere si deteriorano nel tempo poiché i meccanismi degli switch stessi possono iniziare a malfunzionare. Per garantire che le nostre tastiere notebook reggano, le testiamo per assicurarci che la maggior parte dei modelli sia in grado di sopportare almeno 20 milioni di pressioni dei tasti. Ci vorranno anni e anni di battitura per avvicinarsi a quella soglia. Acceleriamo il processo utilizzando una macchina con numerose sonde che si adattano alle tue dita. Quindi schiacciamo le i tasti milioni e milioni di volte in rapida successione.

Plug-in delle porte

Quante volte hai collegato un dispositivo a una determinata porta USB del tuo PC? E quante volte il cavo USB o HDMI era nel senso sbagliato ma hai comunque provato a inserirlo più e più volte prima di capire il tuo errore? Per questo motivo eseguiamo test di plug-in delle porte, utilizzando una macchina per inserire e rimuovere un connettore dalle porte dei nostri sistemi 5.000 volte. Un altro test verifica invece unicamente la resistenza dell'inserimento errato di un dispositivo.

Crash test

I nostri test sono pensati per riprodurre gli urti di vario tipo a cui tutti i prodotti sono soliti essere soggetti. Nella vita di tutti i giorni, alcuni di noi sono più "colpevoli" di altri, ma capita a tutti di far "del male" ai nostri amati dispositivi. Alcuni si limitano a botte o graffi accidentali, altri arrivano ad utilizzare i pugni in momenti di rabbia scaturiti durante il gioco. Fissiamo i prodotti ROG su un dispositivo che è, in modo abbastanza inquitante, chiamato "shock table", facciamo accadere cose brutte e poi controlliamo per accertarci che ogni parte abbia retto e che non ci siano danni, anche microscopici, in giro.

Test per la cerniera

È difficile costruire la cerniera del laptop perfetta; deve essere abbastanza forte da mantenere lo schermo in posizione quando è in alto, ma abbastanza flessibile da poter aprire il coperchio con una mano. Ancora più difficile è riuscire a far si che questa cerniera riesca a rimanere perfetta anche dopo anni di utilizzo, motivo per cui usiamo una macchina per aprire e chiudere i laptop 20.000 volte prima che escano dal banco di prova.

Test di torsione

Non è un bel momento per il tuo notebook quando lo porti in giro tenendolo per il monitor o lo apri tirandolo su per un angolo, ma ovviamente lo facciamo tutti. Per essere sicuri che i nostri notebook siano abbastanza resistenti, li inseriamo in un paio di morsetti e ruotiamo la base dei laptop e del monitor 50.000 volte.

Pressione sulla cover

Per tutte le volte che impili i tuoi libri sul tuo laptop, o il tuo gatto decide che è il suo posto preferito per il pisolino, o uno dei tuoi bambini ci si siede su, testiamo la resistenza del portatile. Sia la parte superiore che inforiore del notebook sono alquanto flessibili, ma devono essere in grado di assorbire la pressione senza rompere o danneggiare nessuno dei componenti interni. Questo è un semplice test in cui una macchina applica 25 kg di forza sul notebook.

Drop test

Nonostante ci siamo affezionati, prendiamo un po' tutti alla leggera i nostri computer portatili, gettandoli su un divano o lasciandoli cadere sulla scrivania dopo una lunga giornata fuori. Il nostro Drop Test garantisce che i piccoli "voli" quotidiani (speriamo non arriviate a questo, davvero) non contribuiscano a creare danni a lungo termine. I nostri sadici macchinari lasciano cadere ogni prodotto da un'altezza di 30 cm. Ripetono il test da più angolazioni, assicurandosi che ogni lato e ogni angolo del prodotto colpiscano il suolo.

Umidità

Il test dell'umidità è un po 'più complicato. Generalmente non andiamo in piscina con il notebook ma noi mettiamo comunque i nostri notebook e desktop in una camera speciale e controlliamo le loro prestazioni con diversi livelli di umidità, e controlliamo attentamente anche gli effetti della condensa. Quelle povere macchine siedono nella camera fino al 95% di umidità per un massimo di 24 ore, come se fossero in una vacanza tropicale molto claustrofobica.

Temperature estreme

Quando si tratta di calore secco, le alte temperature possono devastare i sistemi. In più neanche le temperature fredde sono così amiche, e può capitare di lasciare accidentalmente il portatile in auto durante la notte, di inverno. Gettiamo i nostri poveri notebook e desktop, ignari di tutto ovviamente, in una camera umida e li congeliamo per un massimo di 24 ore. Quindi eseguiamo dozzine di cicli di avvio. Successivamente, facciamo ruotare il termostato a 50 ° C per simulare la Death Valley per un massimo di altre 24 ore e facciamo ancora più cicli di avvio.

Altitudini estreme

A volte i nostri prodotti ci accompagnano sugli aerei. Come può confermare chiunque abbia mai viaggiato con una penna stilografica, alcune cose sono più sensibili ai cambiamenti di pressione rispetto ad altre. Ci assicuriamo che i nostri notebook siano in grado di gestire la pressione gettandoli in una pentola a pressione per simulare ciò che succede sia nella cabina dell'aereo che in una stiva. Questo test simula i 10.000 piedi e 5 ° C e lo mandiamo avanti per 12 ore mentre monitoriamo le prestazioni del sistema. Un secondo test porta il prodotto a una distanza di 40.000 piedi e fino a -30 ° C. Quindi riportiamo riportiamo tutto alla normalità nella stanza e ci assicuriamo che tutto funzioni normalmente.

Temperature interne

Il calore esterno può essere duro, ma il calore interno è davvero ciò che si vuole gestire al meglio. Il calore eccessivo può influire negativamente sulle prestazioni e sulla stabilità dei componenti, motivo per cui i giocatori e gli appassionati dedicano così tanto tempo ed energia a garantire che i loro PC siano adeguatamente raffreddati. Per i desktop e notebook ROG, questo è uno dei nostri focus e innoviamo continuamente le soluzioni di raffreddamento per i nostri sistemi. Per testare tutti i nostri progetti, i test termici del laboratorio spingono i componenti al limite mentre utilizziamo la termografia per individuare eventuali punti troppo caldi.

Acustica

Vogliamo che i nostri portatili e desktop lavorino nel modo più silenzioso possibile quando sono a casa e in ufficio, anche a pieno carico. Non vogliamo ronzii, quindi tramite un microfono sensibile ci assicuriamo che testino sotto determinate soglie di rumore. Controlliamo anche che il touchpad del notebook non faccia dei clic troppo forti.

Test davvero completi

Quando abbiamo terminato la nostra serie di intensi test, questi notebook e desktop ROG hanno subito più "cattiverie" di quanto qualsiasi persona normale possa realisticamente infliggere sul proprio computer. È improbabile che tu possa premere un solo tasto 20 milioni di volte o ruotare crudelmente il cardine del tuo laptop solo per divertimento (non sei un mostro). Ma il nostro obiettivo è fare in modo che il tuo computer sia abbastanza resistente per sopravvivere alla vita di tutti i giorni, anche se colpa di lunghi e frequenti viaggi verso i tropici.

Articoli: Tecnologie
Tags:
Torna in alto